Dietro ogni grande chatbot c’è un grande Conversation Designer

Ruolo e reponsabilità di chi dà voce ai chatbot

Ti sei mai chiesto come faccia un chatbot a comprendere il linguaggio naturale e a rispondere come farebbe un umano? La risposta è semplice: dietro ai chatbot ci sono sempre uno o più esseri umani, chiamati Conversation Designers, i quali cercano appunto di fornire una voce il più umana possibile al bot.

Conversational Designer: chi è e cosa fa

Alla base di qualsiasi interazione fluida c’è la capacità di comprendere senza ambiguità e di rispondere in modo coerente. La comunicazione tra umani e chatbot non fa differenza. Un chatbot comprende i messaggi grazie alle tecnologie NLP che analizzano e interpretano il linguaggio naturale usando complessi algoritmi di Machine Learning. I Conversation Designer (lavorando in qualità di Linguisti Computazionali) si occupano del training di questi algoritmi, alimentandoli con set di testi pre-analizzati che la macchina possa utilizzare come esempi da seguire per "imparare". I chatbot, poi, devono fornire la risposta corretta, ovvero la più rilevante tra quelle presenti nel loro database. Queste risposte, oltre a cercare di essere più “naturali” possibile a livello conversazionale, devono anche essere facilmente reperibili attraverso percorsi guidati o domande spontanee. Per farlo, le interfacce conversazionali hanno bisogno di una voce, una personalità e una consapevolezza del contesto simili a quelle umane. I Conversation Designer delineano tali caratteristiche in modo da creare una Customer Experience personalizzata e una UX coinvolgente. In conclusione, un Conversation Designer è un Linguista che gestisce la componente NLP di un chatbot, che progetta i suoi Flussi Conversazionali e che scrive il copy più appropriato per ciascuno di questi flussi.

Vediamo come.

Come dare una voce a un chatbot in 3 step

Cosa vuol dire dare una voce a un chatbot? Significa curarne la componente comunicativa, cioè fornire all’utente la risposta che cerca, coinvolgendolo in un dialogo piacevole. Ecco come ci muoviamo noi di Heres.

chatbot conversational designer

Step 1 - COMPRENDERE: cosa l’utente sta dicendo

Capire le esigenze degli utenti è di primaria importanza se si vuole che il proprio chatbot abbia successo. Individuare l’intento corretto dell’utente, tuttavia, non è un compito semplice.

Anche se le tecnologie NLU (Natural Language Understanding) possono effettuare un’analisi semantica, sintattica, fonetica e morfologica degli enunciati scritti e orali, la pragmatica rimane una vera sfida. Poiché le lingue umane sono formalmente complesse e altamente dipendenti dal contesto, una richiesta può essere espressa in così tanti modi diversi e ambigui, che è piuttosto improbabile riuscire a mapparli tutti.

I Conversation Design, tuttavia, cercano di trovare dei pattern nelle richieste degli utenti e di alimentare gli algoritmi di NLU con esempi che possano aiutarli ad associare richiesta e risposta. Per farlo possono essere necessarie diverse azioni, che si concentrino di più su uno o un altro dei livelli di analisi linguistica possibili e che variano in base al sistema di NLU adoperato, che per noi di Heres è il motore linguistico di Google, Dialogflow.

alt

Step 2 - RISPONDERE: guidare l’utente alla risposta

La seconda fase nella pianificazione di una conversazione è progettarne i flussi e quindi guidare l’utente verso tutte le risposte presenti nel database.

Per cominciare, le informazioni possono essere fornite tramite due modalità: rispondendo alle risposte spontanee o guidando gli utenti lungo percorsi specifici. Questi due metodi sono confrontati tramite un’analisi SWOT in un altro nostro articolo di approfondimento e possono essere combinati per fornire una migliore UX conversazionale.

In questa fase, i Conversation Designer pianificano dei percorsi strutturati ad albero sulla base di un’attenta analisi del dominio e degli argomenti specifici gestiti dal chatbot.

Possono inoltre customizzare queste risposte sulla base di fattori esterni, quali la pagina del sito in cui ci si trova o il momento del giorno o dell’anno, e ad anagrafiche e abitudini dell’utente, come lingua, età, numero di ordini o acquisti frequenti, che possono essere richiamati da tool di CRM e marketing automation già esistenti o tramite logiche create internamente.

alt

Step 3 - INTRATTENERE: personalizzare la personalità del chatbot

Meglio un assistente automatico formale o informale? Serio o spiritoso? Rispettoso o ironico? Meglio un linguaggio forbito e altisonante o uno slang semplice e diretto? Meglio fornire soluzioni concise e pragmatiche o intrattenere con battute di spirito ed estrosi giri di parole?

Tone of voice e seriosità dipendono naturalmente in larga parte dal brand coinvolto e dal target di utenti a cui ci si rivolge. Scrivere le conversazioni di un chatbot non significa, però, solo far sì che la grammatica sia corretta, il tono appropriato e la scelta lessicale accurata, ma anche giocare con le parole, con gli standard culturali e con la conoscenza condivisa, affinché le risposte del bot sembrino il più naturali possibile e l’esperienza conversazionale risulti mirata. Vediamo qualche esempio del cosiddetto smalltalk, cioè di quelle conversazioni off-topic esclusivamente mirate a intrattenere chi chatta.

Non esiste una UX conversazionale perfetta, ma solo Conversation Designer perfettamente flessibili

Nel progettare e scrivere le conversazioni, infine, è necessario tenere a mente che la UX conversazionale perfetta non esiste (per ora). Ciascun chatbot deve modellarsi sulle esigenze dei clienti e degli utenti finali. Inoltre, quello del Conversational Designer è un lavoro nato da poco, quindi l’unica vera regola è imparare dall’esperienza al fine di individuare la UX più soddisfacente.

Heres says...

17 February 2020
Lucy: la psico-blogger virtuale del Centro Medico Santagostino
Leggi articolo
3 February 2020
A cosa pensi se dico “chatbot”?
Leggi articolo
27 January 2020
Heres sarà all’evento di Office Automation
Leggi articolo
23 January 2020
Arriva un nuovo canale per Heres: Whatsapp!
Leggi articolo
16 September 2019
Con il chatbot di EasyCoop, fare la spesa è ancora più Easy!
Leggi articolo
5 August 2019
BimboStore ha un nuovo chatbot: Francesca!
Leggi articolo
31 July 2019
È arrivato Joy, l'assistente virtuale di Toys Center!
Leggi articolo
25 May 2019
Heres al Netcomm Forum 2019
Leggi articolo
22 May 2019
Shimano: la digitalizzazione del Troubleshooting B2B
Leggi articolo
15 May 2019
Benvenuta Asia, la nuova assistente virtuale di Nove25!
Leggi articolo
8 April 2019
Heres sarà all’AI Forum del 12 aprile 2019
Leggi articolo
12 March 2019
Heres all’HR Innovation Forum del 14 marzo 2019
Leggi articolo
18 February 2019
Diana: il chatbot che introduce gli utenti al mondo di EF
Leggi articolo
12 February 2019
MotoAbbigliamento accelera la User Experience con Emilio!
Leggi articolo
21 January 2019
Gipo ha un nuovo chatbot: Gaia!
Leggi articolo
17 December 2018
È online Lisa, l’assistente virtuale di Prénatal!
Leggi articolo
30 November 2018
Nasce il nuovo chatbot di Acqua Sant’Anna
Leggi articolo
8 November 2018
Il recruiter ha un nuovo collega: il chatbot
Leggi articolo
2 November 2018
Agostina: un chatbot per il Centro Medico Santagostino
Leggi articolo
9 October 2018
Heres al Digital Health del 10 ottobre 2018
Leggi articolo
15 June 2018
I Chatbot di Heres tra NLP e Wizard
Leggi articolo
28 May 2018
Heres al Netcomm Forum
Leggi articolo
23 May 2018
Heres al Digital Health: 30 maggio 2018
Leggi articolo
18 May 2018
Chatbot e GDPR: Heres è nata pronta
Leggi articolo
18 March 2018
Chatbot o Task-Bot?
Leggi articolo
7 March 2018
Benvenuta Dory, l’assistente automatica di LloydsFarmacia!
Leggi articolo
11 October 2017
Il tuo e-commerce ha bisogno di un chatbot?
Leggi articolo
22 September 2017
Come i chatbot possono rivoluzionare il tuo business
Leggi articolo
21 September 2017
Benvenuti nella Conversational Era con Heres!
Leggi articolo